Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘moda’

ClothesTellStories_homeÈ da poco online un interessante sito dedicato ai professionisti dei musei che studiano, interpretano e conservano l’abbigliamento del passato, Clothes Tell Stories.

Curato dall’International Committee for Museums and Collections of Costume dell’ICOM, l’International Council of Museums, Clothes Tell Stories è un sito di aiuto e ispirazione per chiunque lavori nell’ambito del costume storico, in particolare per i piccoli musei che non hanno al proprio interno professionalità appositamente formate. Tutti gli aspetti della gestione di una collezione di abiti sono considerati in questo sito: le terminologie, le tecniche di allestimento, il collezionismo, il corretto immagazzinamento, la movimentazione e molto altro.

Semplice ma accattivante nella grafica, Clothes Tell Stories presenta due sezioni principali: Resources, che reindirizza alle Linees guida, alla Terminologia e alle Pubblicazioni dell’International Committee for Museums and Collections of Costume, e Workbook, che invece raccoglie una serie di contributi più o meno articolati su temi specifici scelti dagli specialisti membri del Comitato; in quest’ultima sezione sono raccolte le storie cui fa riferimento il nome del sito: gli abiti prendono vita e raccontano dell’opulenza di imperatori e delle ristrettezze nell’abbigliamento nella ex Unione Sovietica, di rivolte contro dittatori e persino dell’arrivo della prima giraffa in Francia nel 1826!

Annunci

Read Full Post »

Un gruppo congiunto di esperti storici del costume, del tessuto e della moda nonché di funzionari dell’Istituto centrale per il catalogo e la documentazione del Ministero per i beni e le attrività culturali ha redatto un lemmario per la schedatura dell’abito e degli elementi vestimentari, prodotto su CD-ROM per una rapida consultazione, che costituisce la guida lessicale per la compilazione delle voci specifiche del tracciato della Scheda VeAC (Vestimenti antichi e moderni), in sperimentazione (per la visualizzazione del tracciato, registrarsi nel sito dell’ICCD).
Il lemmario è ricco di illustrazioni che potranno aiutare il catalogatore nella terminologia da usare.
“La scelta dei lemmi risponde a un criterio convenzionale, ma non arbitrario”, essendo stati privilegiati termini radicati nell’uso.
Si tratta senz’altro di uno strumento importantissimo per la catalogazione di un materiale così complesso e difforme come quello dell’abito e dei diversi capi d’abbigliamento.
Auspichiamo, che data l’importanza di questo risultato, il lemmario possa essere anche reso disponibile online dalle istituzioni responsabili.

La scheda VeAC e il lemmario sono stati presentati il 17 febbraio 2010 nel Salone dell’Ercole della Galleria nazionale d’arte moderna a Roma. [MTN]

Read Full Post »